Consultazione pubblica sulle regole dell’UE per i prodotti utilizzati nella costruzione di edifici e nelle opere infrastrutturali

I bandi Ue aperti nel mese di gennaio 2018
18 gennaio 2018
Contrastare l’illecito incitamento all’odio online: l’iniziativa della Commissione registra progressi costanti, con l’adesione di ulteriori piattaforme
23 gennaio 2018

Consultazione pubblica sulle regole dell’UE per i prodotti utilizzati nella costruzione di edifici e nelle opere infrastrutturali

La suddetta consultazione è stata avviata dalla Commissione europea dal 22 gennaio 2018, ed Obiettivo della consultazione è: Il regolamento (UE) n. 305/2011 sui prodotti da costruzione (CPR) ha lo scopo di migliorare il funzionamento del mercato unico per i prodotti utilizzati nella costruzione di edifici e di infrastrutture. A tal fine, il regolamento prevede norme per valutare la prestazione dei prodotti da costruzione e sulla comunicazione dei risultati della valutazione, mediante un linguaggio tecnico comune (costituito principalmente da norme europee armonizzate e documenti europei di valutazione) da utilizzare in tutta l’UE. I prodotti da costruzione conformi alle norme del CPR recano la marcatura CE. I paesi dell’UE sono liberi di stabilire norme per la progettazione e la sicurezza degli edifici e delle opere infrastrutturali, a condizione di utilizzare a tal fine il linguaggio tecnico comune del CPR per i prodotti con la marcatura CE. Ciò ha lo scopo di garantire che i professionisti, le autorità pubbliche e i consumatori dispongano di informazioni affidabili e comparabili sulle prestazioni dei prodotti da costruzione, in modo da poter confrontare le prestazioni dei prodotti di fabbricanti diversi in paesi diversi. In tal modo si evita l’esclusione dai mercati nazionali di alcuni prodotti solo perché le loro prestazioni sono state analizzate in un altro paese.

Varie fonti, come la relazione del 2016 sull’attuazione del regolamento CPR, i pareri della piattaforma REFIT e gli studi sui regolamenti del settore europeo delle costruzioni, hanno individuato alcuni problemi riguardanti il funzionamento del CPR, come la necessità di un chiarimento per quanto riguarda le disposizioni semplificative, la limitata adozione delle disposizioni semplificative o di regimi più snelli da parte delle microimprese, il collegamento con il regolamento 1025/2012 sulla normalizzazione e l’uso obbligatorio di norme nel CPR, le disposizioni settoriali specifiche in materia di vigilanza del mercato e le disposizioni di attuazione, le norme dettagliate concernenti gli organismi notificati e la semplificazione delle norme procedurali relative alla messa a punto dei documenti europei di valutazione. Il pacchetto Unione dell’energia della Commissione europea del novembre 2016 segnala la necessità di affrontare la frammentazione del mercato interno dei prodotti da costruzione. Questo è il motivo per cui la Commissione sta attualmente effettuando una valutazione congiunta e una valutazione d’impatto di un’eventuale iniziativa dell’UE volta a modificare le norme dell’UE sui prodotti da costruzione.

La presente consultazione pubblica mira a dare a tutte le parti e a tutti cittadini interessati l’opportunità di contribuire a questa attività e di esprimere il loro parere sulle principali questioni riguardanti la valutazione e la valutazione d’impatto. Offrendo tale opportunità, la presente consultazione integra le consultazioni precedenti, più mirate, delle parti interessate.

La Commissione terrà conto della consultazione nella relazione sulla valutazione e sulla valutazione d’impatto e nella proposta legislativa che accompagnerà la relazione, se il risultato della valutazione indicherà la necessità di modificare la normativa dell’UE sui prodotti da costruzione.

Maggiori informazioni sono disponibili qui:

https://ec.europa.eu/info/consultations/public-consultation-eu-rules-products-used-construction-buildings-and-infrastructure-works_it